ARI Sanremo Home Page Home Page Nominativo di Sezione ARI Sanremo
Home Main Menu Sezione ARI-RE Award Liguria EME Diploma Sanremo Search Members Downloads Forums Guestbook Login

Toggle Content Trova nel sito


Toggle Content .:Translate Language
Please select to change language

Klicken Sie auf Sprache ändern

Sélectionner pour changer la langue

Haga clic para cambiar el idioma
Autori › Come si modifica una Hy-Gain AV-18VS
Come si modifica una Hy-Gain AV-18VS

Come si modifica una Hy-Gain AV-18VS


L'idea di modificare la Hy-Gain Link esterno AV-18VS, al fine di migliorarne il rendimento ed usarla in occasione delle attivazioni dei Castelli (Diploma DCI) Link esterno, è nata da Giorgio IK1UWL mentre preparavamo, lo scorso inverno, una delle nostre serate a tema, quella relativa al calcolo delle antenne verticali con il programma di G4FGQ Link esterno.
La AV-18VS viene normalmente impiegata in operazioni /p (stazione fissa) e presenta le seguenti caratteristiche:

  • leggerezza
  • rapidità nel montaggio;
  • costituita da elementi telescopici robusti (nr 4 in totale), uniti da semplici viti;
  • bobina di accordo alla base che consente di usarla dai 10 agli 80 m variando in numero delle spire mediante l'utilizzo di una presa a coccodrillo;
  • altezza complessiva 5,50 m, mentre chiusa misura 1,80 m e può stare nella vettura;
  • un paletto od una puntazza sono sufficienti per reggerla.

Nel decidere di modificare l'antenna si è tenuto conto di:

  1. farla risuonare nelle bande tra i 10 ed i 20 m ad ¼ d'onda, migliore resa per un'antenna verticale;
  2. impiego in 40 m o in 80 m con l'aggiunta della bobina (al momento si è deciso di costruire solo quella per i 40 m);
  3. ottimizzare la resa dell'antenna sistemando, come è noto a chi utilizza i programmi di G4FGQ, la bobina in posizione molto elevata (nel nostro caso a 4,20 m).

Per prima cosa Giorgio ha applicato alla base dell'antenna una presa so-239 per collegarvi il cavo coassiale ed una presa di massa dove connettere i radiali (nr 6 lunghi 5 m) ed ha eliminato la bobina originale.
Ha inserito quindi un "giunto" in teflon tra il 3° elemento ed il cimino (4° elemento), su tale giunto si posiziona la bobina, che è formata da 28 spire di rame argentato da 1 mm avvolto su un tubo di plastica del diametro di 60 mm opportunamente filettato per mantenere costante la spaziatura.
La nuova antenna in pratica è costituita da un mast (parte inferiore) lungo 4.20 m (telescopico) e da un cimino (parte superiore) lungo 80 cm; queste misure consentono di far risuonare l'antenna in 20 m come ¼ d'onda senza alcuna bobina.
Quando si opera in 40 m si inserisce, ad antenna montata, la bobina dalla parte del cimino ed il contatto avviene mediante due pinze a coccodrillo, una orientata verso il cimino ed una verso il mast (vedi foto).
Se si desidera operare in 20 m si toglie la bobina e la si sostituisce con un jumper sempre costruito con due pinze a coccodrillo (vedi foto).
Qualora si voglia trasmettere in 18, 21, 24.9 o 28 MHz semplicemente si fanno rientrare i tubi telescopici sino ad ottenere il quarto d'onda per la frequenza scelta.
La terza foto, in cui è immortalato il sottoscritto, è stata scattata allo scopo di offrire un confronto tra le dimensioni dell'antenna e la persona.
Come sostegno viene utilizzato un normale treppiede da macchina fotografica il cui tubo verticale è calzato nei due anelli della "culla". Per il montaggio dell'antenna sono sufficienti 2-3 minuti; il cambio banda è questione di secondi.
I risultati estremamente positivi ottenuti nelle recenti attivazioni di castelli e torri (dove si è operato in zone anche chiuse come Castelmarzio, vicino a Badalucco) con ottimi segnali sia in 40 che in 20 m confermano l'efficienza dell'antenna.
Sono naturalmente a disposizione il martedì sera in Sezione per fornire ulteriori dettagli a chi, prendendo spunto da questa antenna, volesse costruirne una simile, utilizzando magari altri materiali che ha nel cassetto o semplicemente per simulare insieme le differenti rese con il programma di G4FGQ.
Un plauso a Giorgio IK1UWL per la decisione di modificare così radicalmente la sua antenna, per le semplici soluzioni tecniche che ha adottato e per la competenza dimostrata.
Rivolgo un invito a tutti: nella progettazione delle vostre prossime antenne verticali portatili la parola d'ordine deve essere bobina in alto.


Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire

73 de Gianni, I1UWF

Discutine sul Forum



(7186 letture) Pagina Stampabile

[ Ritorna a I1UWF ]




Nominativo di Sezione
Sezione A.R.I. Sanremo - 18.02 codice ASC che per la Sezione è G08

La Sede si trova in corso Mazzini n° 1, a fianco del Campo Sportivo, in Sanremo. La Sezione è aperta tutti i martedì, non festivi, dalle ore 21 alle ore 23 circa.

Indirizzo Postale:

ASSOCIAZIONE RADIOAMATORI ITALIANI
SEDE di SANREMO
CASELLA POSTALE 114
18038 SANREMO IM


Scrivi al Segretario
ASSOCIAZIONE RADIOAMATORI ITALIANI P.IVA & C.F. 90029580082
Indirizzo di posta elettronica certificata
presidenza@pec.arisanremo.it

Webmaster IZ1OQB PINO

Contatto per il Webmaster
Regolamento del Sito | Note Legali/Disclaimer | Come trovarci


Best viewed 1024x768 +

Questo sito appartiene alla Sezione ARI di Sanremo (IM) e non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001.
I loghi, i marchi e gli script usati in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari e a CPG-Nuke Team.
Questo sito utilizza la versione 9.2.1 di Dragonfly CPG-Nuke.
Theme by i1yst
Tutti i testi, le foto e i disegni tecnici sono esclusiva proprietà di © 2002-2013 arisanremo.it
Vietata la riproduzione e la copia, anche parziale, senza la previa autorizzazione di arisanremo.it

All content are protected by the copyright law and may not be copied without the express permission and the active reference to a source!
Web stats

Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy



placeholder Support GoPHP5.org   Dragonfly   XHTML valid!   CSS valid!   Level Double-A Conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0   RSS valid!   Robots valid!   PHP   PhpMyAdmin   MySql   Get Adobe Reader   Unicode   Add to Google placeholder